Homepage  Programma incontri 2019  Cosa pensiamo quando parliamo di tutela della salute

Cosa pensiamo quando parliamo di tutela della salute

È nostra opinione che per SALUTE si debba pensare ad un concetto più complesso ed articolato, più ampio rispetto all’accezione comune del termine, composto, oltre che da parametri fisici, chimici, biologici, legati all'invecchiamento ed alla fisiologia del corpo umano, anche da aspetti antropologici, su come l'uomo si è evoluto nel tempo, quindi a concetti filosofici sull' essere in quanto persona pensante, agli aspetti culturali che fanno dell’uomo un soggetto fortemente condizionabile. Un lungo viaggio che ponendo al centro del suo interesse L'UOMO, inizia dall'antropologia, volgendo uno sguardo all'anatomia, verifica la fisicità del corpo (alimentazione), approfondisce con la psicoanalisi e si conclude con una riflessione attenta e profonda su come il concetto di salute si sia evoluto nel tempo tanto da divenire principio di eccellenza della nostra costituzione.

Articolo 32 della Costituzione Italiana: "La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.
Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

Giovedì 3 ottobre 2019
Il futuro presente: dalla conoscenza e relazione sociale al mondo virtuale
Dott. Maurizio Bellini

Giovedì 10 ottobre 2019
Movimento e nutrizione: basi per autonomia e speranza di vita
Dott. Antonio Bavazzano

Giovedì 17 ottobre 2019
Il cibo come preparazione e consumo
Dott. Antonio Bavazzano

Giovedì 24 ottobre 2019
La mente ed il corpo: i nuovi orizzonti della psicanalisi
Dott. Maurizio Bellini

Giovedì 31 ottobre 2019
L'eutanasia: correnti di pensiero, modi diversi di pensare il fine vita
Dott. Piero Taiti

Giovedì 7 novembre 2019
Cosa ci racconta la Costituzione Italiana
Prof. Maurizio Fioravanti



inizio pagina | indietro